Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per offrirti un servizio migliore. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui (cliccando su questo link acconsenti all'uso dei cookie). Cliccando sul bottone 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto

Cheratocono

Il cheratocono è un'irregolarità della forma della cornea causata dall'assottigliamento dello stroma corneale.
I sintomi del cheratocono variano da una visione normale o lievemente annebbiata nel cheratocono frusto, a gravi difficoltà nella vista nei cheratoconi evoluti. Il cheratocono è bilaterale nella maggior parte dei casi, anche se i due occhi sono spesso colpiti in maniera diversa.
Alla diagnosi di cheratocono si arriva con la topografia corneale, esame ambulatoriale eseguito in tutti i migliori centri di oculistica.
L'età d'insorgenza del cheratocono è l'adolescenza, se evolutivo il cheratocono peggiora molto e velocemente tra i 12 e i 18 anni e tende a stabilizzarsi dopo i 30 anni.

La correzione visiva del cheratocono frusto è con occhiali, mentre negli stadi più evoluti si usano le lenti a contatto semi-rigide.
Da un punto di vista terapeutico esiste un trattamento laser del cheratocono chiamato cross-linking corneale, che serve ad irrigidire lo stroma corneale, per evitare ulteriori assottigliamenti e per migliorare le aberrazioni corneali.
Il cross-linking corneale è eseguito nel cheratocono frusto stadio I-II in caso di dimostrata evolutività del cheratocono in due visite successive o in caso di cheratocono stabile per migliorare il visus nei pazienti che non tollerano le lenti a contatto; sono quindi molto importanti la diagnosi precoce del cheratocono nei pazienti adolescenti e visite di controllo con la topografia corneale ogni tre mesi. Il trapianto di cornea per il chertocono è l'unica alternativa terapeutica negli stadi evoluti della malattia; il trapianto di cornea può essere lamellare o a tutto spessore.